Voto estero: se le cifre fossero vere, sarebbe un imbroglio

“Alcuni giornali, anche forse per fare una campagna terroristica, che è orchestrata, parlano di un milione e 600 mila voti. Non credo che sia un dato realistico. Il massimo della partecipazione è stato un milione e 200 mila quando dovevano eleggere i loro rappresentanti. Difficile che votino un milione e 600 mila elettori. Se fosse vero sarebbe la prova provata che c’é dietro un imbroglio, ma non lo credo realistico”.

Queste le parole di Massimo D’Alema: “se le cifre fossero vere, sarebbe un imbroglio”.