Uccisa con cinque colpi di pistola Marielle Franco paladina dei diritti civili

Brasile – È stata uccisa in un agguato in pieno giorno Marielle Franco, nota militante per i Diritti Umani, giovane consigliera del Partito socialismo e libertà (Psol) di Rio de Janeiro, giustiziata insieme al suo autista, Anderson Pedro Gomes, mentre stava tornando da un evento in sostegno delle giovani donne nere delle favelas.  Marielle, 38 anni, è stata giustiziata con quattro colpi di pistola alla testa: una vera esecuzione. I sicari hanno anche ucciso il suo autista e ferito lievemente una sua assistente, che si trovava al suo fianco sul sedile posteriore dell’auto. La polizia ha rinvenuto sul luogo del duplice omicidio 9 bossoli. Il giorno prima di essere uccisa, Marielle aveva scritto sul suo profilo Twitter: «Ancora un omicidio che potrebbe entrare nel conto di quelli compiuti dalla polizia militare. Matheus Melo stava uscendo dalla chiesa. Quanti altri devono morire prima che finisca questa guerra?». La giovane consigliera aveva anche criticato pesantemente l’operato della polizia militare nelle favelas di Rio, definendo il corpo speciale incaricato per queste operazioni «battaglione della morte, che uccide i nostri giovani». L’omicidio ha creato un’ondata di sdegno in tutto il Brasile ed è stato deplorato dal neo ministro per la Sicurezza pubblica, Raul Jungmann, e da numerose forze politiche. In una nota, il governo di Brasilia ha affermato che seguirà da vicino le indagini sul barbaro duplice assassinio.   L’ex presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva, ha duramente condannato l’omicidio di Marielle Franco, e ha chiesto al governo e alle forze armate di «rendere conto alla popolazione» su quanto accaduto. Lula ha poi definito la giovane vittima «una politica coraggiosa» ed ha aggiunto che «Rio de Janeiro e la democrazia brasiliana sono stati macchiati da questo barbaro crimine».  Attivisti hanno indetto manifestazioni davanti al municipio e in altre zone di Rio, raccogliendo in breve tempo 20mila adesioni. Amnesty International ha invocato un’inchiesta rigorosa su «contesto, movente e responsabilità».

Fonte:LA Stampa