“Tutte le pance del mondo”, un libro-gioco di Lucia Scuderi

Davvero una chicca, per piccoli, grandicelli e grandi, quella che Donzelli pubblica con il titolo “Tutte le pance del mondo”, un libro-gioco di Lucia Scuderi, che mette insieme ventiquattro animali, domestici e feroci, vicini e lontani, conosciuti e poco noti, e ci racconta attraverso pagine colorate, tutte a scomparsa con sorpresa, come nascono i piccoli degli animali, tutti diversi fra loro e qualcuno davvero imprevedibile.

lucia-scuderiSi comincia con l’elefante: lo sapevate che il piccolo elefantino resta nella pancia della madre per ben 22 mesi, appena nato ciuccia la proboscide e viene allattato fino a quattro anni, bevendo oltre dieci litri di latte materno ogni giorno? Invece la coccodrilla depone fino a cento uova dal guscio molle, porta i cuccioli nati in acqua, e il loro sesso dipende dal calore dell’acqua… Se fa freddo saranno femmine. La giraffa partorisce in piedi la giraffina che cadendo non si fa male, la mamma leonessa ha una gravidanza di circa quattro mesi, la mamma pinguino depone l’uovo e poi fugge in cerca di cibo: il pinguino maschio tiene l’uovo in mezzo alle zampe per paura che si ghiacci toccando terra, e aspetta la mamma che porterà il pesce che vomiterà in bocca al piccolo nato…

Insomma Lucia Scuderi ci racconta infinite curiosità sulle diverse specie, il modo insolito con cui gli animali vengono al mondo: il cavalluccio marino maschio partorisce i piccoli, che porta in pancia per circa quaranta giorni, mentre la femmina, fedelissima, gli balla intorno; la mamma pipistrello partorisce a testa in giù, attaccata ad un ramo, mentre le femmine di struzzo depongono tante uova che il maschio coverà da solo; i cuccioli di cammello nascono senza gobba, la mamma asina ha una gravidanza lunghissima, ben undici mesi. Un libro per imparare, quasi giocando, il mondo straordinario della natura che consente agli animali di riprodursi nei diversi continenti nei modi più disparati, nelle zone più impervie, in acqua, nella foresta, sugli alberi, al polo.

Balene, squali, armadilli, koala, canguri, lupi, delfini, orsi polari, ippopotami: dopo aver giocato con questo libro illustrato, facile, immediato, né i bambini né i genitori si meraviglieranno dei miracoli di una natura che finiamo per conoscere poco, tutti presi dai cartoni animati e dai film che edulcorano e antropomorfizzano il ciclo naturale della riproduzione animale.

Nell’ultima pagina il bambino chiede al padre se ha anche lui un cucciolo nella pancia… al prossimo libro la risposta!

recensione di Elisabetta Bolondi, fonte: sololibri.net