Sapori, la mostra mercato dei buoni prodotti torna a Fivizzano dal 2 al 5 giugno

FIVIZZANO (MS) – Dal 2 al 5 giugno 2016 torna a Fivizzano Sapori, la Mostra Mercato dei Prodotti Tipici della provincia di Massa Carrara. La rassegna, giunta alla 15^ edizione vedrà nuovamente protagonista la ricchezza enogastronomica del territorio e della provincia toscana, nell’antica cornice della località lunigianese, un tempo possedimento mediceo.

alimenti“Stiamo già lavorando in maniera assidua” – dichiara il Sindaco di Fivizzano Paolo Grassi – “Sapori è una mostra mercato che abbiamo visto crescere anno dopo anno, è un vanto per tutta la popolazione e non solo. Vogliamo trasmettere un segnale molto forte con Sapori, quello della cultura e del grande patrimonio che le nostre terre custodiscono. Ogni città o piccolo paese porta con sé usanze, piatti, prodotti, ricette… tutti simbolo e fotografia di una società che si è evoluta con il passare dei secoli senza perdere di vista le origini e le radici delle tradizioni, in primis quelle contadine e della buona tavola”.

Sapori 2016 porterà con sé un’importante novità! Con grande soddisfazione l’Appennino Tosco-Emiliano è entrato a pieno diritto nelle Rete delle riserve ‘Uomo e Biosfera’ MaB UNESCO (Man and the Biosphere) e, proprio per celebrare questo riconoscimento, all’interno della Biblioteca di Fivizzano, saranno messi in mostra i prodotti dell’area MaB suddivisi tra Dop e Igp.

fivizzano rievocazione“Far parte delle riserve MaB UNESCO è, allo stesso tempo, una meravigliosa responsabilità e uno stimolo!” – Ha affermato Fausto Giovanelli Presidente del Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano – “Il grande valore che tutto il mondo ci riconosce è sotto i nostri occhi e noi abbiamo il dovere di preservare questo tesoro nel migliore dei modi. Il rapporto tra uomo e ambiente, uno sviluppo sostenibile e attento a tutelare le biodiversità, sono simbolo di lungimiranza sociale, indispensabile anche per le generazioni future. La nomina, arrivata a giugno dello scorso anno, sigilla così definitivamente l’intreccio tra natura, cultura, ambiente e storia del nostro territorio”.