Roma ’44: le lettere dal carcere di via Tasso di un martire delle Fosse Ardeatine

Orlando Orlandi Posti, diciotto anni, trascorse gli ultimi due mesi della sua vita in una cella del carcere nazista di via Tasso a Roma. Era stato catturato dai tedeschi per aver salvato dei compagni da una retata. Scrive un diario in cui si rivolge alla madre e all’amata Marcella, sforzandosi di pensare al futuro, all’amore, ai progetti, alla licenza liceale. Sullo sfondo la violenza della vita in prigione, la durezza degli interrogatori e dei carcerieri, l’agghiacciante immobilità del tempo che non passa mai. Una testimonianza impressionante proprio per quello che non dice. All’apparenza un diario di un comune ragazzo, tra le righe nasconde il dolore di un uomo conscio del proprio destino. Fu fucilato il 24 marzo 1944 alle Fosse Ardeatine.