Regista, sceneggiatrice, attrice: a tu per tu con Antonella Grassia

ROMA – Trentadue anni, la simpatia e la solarità tipiche dei napoletani, regista, sceneggiatrice e attrice, Antonella Grassia si è laureata e specializzata in cinema e spettacolo digitale all’Università La Sapienza di Roma. Ma le esperienze e gli insegnamenti più importanti glieli ha trasmessi suo padre, il noto regista campano Ninì Grassia, prematuramente scomparso nel 2010.

 

Antonella ha fatto una lunga esperienza sui set e nelle produzioni televisive del padre, da Sognando Hollywood al Festival del Talento, programmi che per circa dieci anni hanno fatto parte stabile dei palinsesti di Rai Uno e Rai Due. Nel 2011 scrive e dirige la fiction tv Le ragazze del centro commerciale, mentre nel 2012 realizza il docufilm Bartolo Longo, il rosario e la carità curandone soggetto, sceneggiatura e regia. E’ del 2016 il suo primo lungometraggio per il grande schermo, dal titolo Forse… si, lo voglio, una simpatica commedia, attualmente in concorso al David di Donatello, dove, oltre a curare soggetto, sceneggiatura e regia, debutta anche come attrice interpretando il personaggio della pasticciona Connie Lamalfi.

Abbiamo incontrato Antonella Grassia a Roma e fatto una piacevole chiacchierata. Ci ha raccontato del suo ultimo film, delle difficoltà incontrate da chi fa cinema e un ricordo del suo amato papà.