Nature morte a Firenze. la nuova indagine di Simòn e Mezzanotte

togneri-2Firenze. C’è un nuvo artista in città. Un pittore. Si aggira per i vicoli con i suoi colori, in cerca di soggetti da dipingere. Vittime. Perchè lui sceglie attentamente le persone da ritrarre e prima di farlo le uccide e le mette in posa. Infine lascia la sua opera sulla scena del crimine. Lo scopo ultimo id un atto creativo che è solo distruzione. Sfida, follia o estro espressivo portato oltre limiti invalicabili, la “nature morte” costringeranno il commissario Franco Mezzanotte e Simòn Renoir a percorrere una strada tortuosa che ha origini lontane nel tempo. Chi si nasconde dietro quei dipinti? E perché l’assassino pittore sembra conoscere tanto bene Simòn, da far credere agli inquirenti che sia lui stesso il misterioso artista di morte? L’indagine spaccherà in due perfino la questura e metterà in dubbio tutte le certezze. Anche le più solide.

Nature morte a Firenze. La nuova indagine di Simòn e Mezzanotte (Fratelli Frilli Editori) è un libro di Simone Togneri. L’autore, nato a Barga, si è diplomato in pittura all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Ha pubblicato i romanzi Dio del Sagittario (L’Età dell’Acquario), Cose da non dire (Lindau Anteprima), Arnoamaro, un’indagine di Simòn e Mezzanotte (Fratelli Frilli Editori), Loop (Meme-Publishers). Insieme all’amico chef e decoratore Claudio Menconi ha pubblicato il romanzo/ricettario Caterino, romantico duello in punta di forchetta (Brandani). Suoi racconti sono apparsi in Tutti il nero dell’Italia (Noubs), Racconti nella rete 2008 (Nottetempo), Carabinieri in giallo 2 (Mondadori), Toscana in giallo (Fratelli Frilli Editori) e su Cronaca Vera, Sherlock Magazine, Il Carabiniere e Il Manifesto. Vive, ascolta le voci e scrive le sue storie in una grande casa ai margini di un bosco, ai piedi dell’Appennino Tosco-Emiliano, insieme a un manipolo di gatti che, a suo dire, tengono lontani lupi e briganti.