Memories of Serenissima: da New York a Modena in mostra la Venezia dell’800

MODENA – Da Boldini a Fragiacomo, da Zandomeneghi a Santoro: sono questi alcuni dei pittori protagonisti della mostra “Memories of Serenissima”, uno scorcio della pittura veneta dagli anni ’30 dell’800 fino ai primi decenni del ‘900. Dopo essere stata esposta fino ai primi di marzo a New York, pressol’Istituto Italiano di Cultura della Grande Mela in concomitanza con le importanti celebrazioni di Venezia alla Carnagie Hall, l’esposizione arriva aModena e aprirà al pubblico sabato 25, presso lo studio del curatore modenese Marco Bertoli in via Carlo Farini 56, a ingresso gratuito.

Un’occasione unica per ammirare la ventina di opere in mostra, tutte provenienti da collezioni private, selezionate da Bertoli – consulente di Christie’s a New York e Londra – che propongono un panorama della scuola veneziana del “vero” con paesaggi, scene di genere, ritratti, marine e vedute nelle quali gli artisti hanno catturato i colori e le atmosfere della città veneta. Tra le opere esposte alcune luminosissime marine realizzate da Guglielmo Ciardi, uno dei maggiori paesaggisti veneti, capace di far penetrare lo sguardo dello spettatore all’interno dell’opera, dove il punto focale diventa il dialogo luminoso tra il cielo e l’acqua della laguna veneta. Presenti in mostra anche tele dei suoi figli Emma e Beppe, e poi una veduta densa di effetti atmosferici di Pietro Fragiacomo e una serie di opere che descrivono con un linguaggio attento alla definizione del particolare frammenti di vita quotidiana e realtà sociale di Venezia, fatta di poveri interni, affetti domestici e feste popolari. Tra gli altri da ricordare “Festa di battesimo” di Eugenio De Blaas, “Erbe e frutta” di Giacomo Favretto, “La famiglia del gondoliere” di Alessandro Milesi, “La festa del Redentore a Venezia” di Antonio Rotta, oltre a due interni parigini del veneto Federico Zandomeneghi, capace di far determinare alla luce le variazioni tonali del colore. E poi ancora opere di alcuni tra i maggiori interpreti della laguna: tra questi il calabrese Rubens Santoro con “Venezia”, selezionata come immagine di mostra, e il ferrarese Giovanni Boldini, che realizzò vedute della città in diversi momenti della sua vita, tra il 1887 e il 1913, nelle quali man mano sembra abbandonare ogni intento descrittivo e adotta, come in “Venezia. Punta della Dogana” visibile in mostra, una condotta pittorica realizzata da tocchi sempre più rapidi e concisi.

Memories of Serenissima è un saggio su un secolo di sviluppo pittorico – spiega Bertoli,da 30 anni esperto e mercante d’arte italiana e profondo conoscitore della pittura e scultura dal XIX secolo alla prima meta del ‘900 –non sempre lineare, con diverse opere che consentono di offrire un panorama, il più fedele possibile, della scuola veneta nella sua evoluzione, stimolata anche dall’istituzione, nel 1895, della prima Biennale Internazionale d’Arte a Venezia, che ancora oggi ci ricorda l’importanza artistica e culturale di questa città”.

Fino a sabato 8 aprile sarà quindi possibile ammirare le opere selezionate dal curatore modenese, già tanto ammirate dal pubblico americano dal 2 febbraio al 2 marzo quando “Memories of Serenissima” è stata esposta presso l’Istituto Italiano di Cultura su Park Avenue, in concomitanza con le grandi celebrazioni di Venezia alla Carnagie Hall, “Music and Arts from The Venetian Republic”, che hanno previsto anche una serie di concerti dei più importanti compositori veneti.

Questa mostra di pittura italiana dell’800, dopo “The Macchiaioli” nell’ottobre del 2014 e “The light of Southern Italy” è la terza curata da Bertoli in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di New York: una serie di iniziative volte a valorizzare la ricchezza della cultura italiana per il pubblico americano. Consulente d’arte presso lo studio Marco Bertoli-Art Consulting di Modena, nel 2009 Bertoli ha infatti aperto uno studio a New York, specializzato nell’arte dell’800 e del primo ‘900, ma anche nella pittura e nella scultura italiana contemporanea. L’esperienza trentennale si riflette in una visione dell’arte che lo ha portato negli ultimi anni a organizzare mostre dedicate ad artisti contemporanei. Consulente d’arte per conto di banche, enti pubblici e collezionisti privati, come parte dei suoi sforzi per promuovere la conoscenza dell’arte italiana Bertoli ha collaborato con Eataly a un progetto che prevedeva l’istallazione di sculture contemporanee nei loro punti vendita in Italia.

Sposor ufficiali di “Memories of Serenissima” sono proprio la catena di punti vendita di Oscar Farinetti Eataly, Christie’s, acqua Santa Lucia, IGT,IMA Spa Bologna, Luxury Living New York, Santa Margherita USAConsorzio di tutela Prosecco DOC.

Info:
Ingresso: gratuito
Date e orari: 25 marzo – 8 aprile 2017
Dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00
Luogo: Studio Marco Bertoli – Art Consulting
059. 222866
via Carlo Farini 56 (terzo piano), Modena

Nella foto: Giovanni Boldini

Venezia, Punta della Dogana

Olio su tavola, cm. 31 x 43