Il Castello di Tabiano. Mille anni di storia e leggende

TABIANO (PR) – IL Castello di Tabiano é uno dei più importanti monumenti di difesa dell’epoca feudale dell’Alta Emilia. Sorto all’inizio dell’XI secolo su di un antico insediamento romano, fu uno dei fondamentali presidi dei Marchesi Pallavicino pernil controllo della Via Francigena e dei pozzi di sale della zona. Situato in una posizione dominante sulla Pianura Padana, vanta un panorama unico che spazia fino alla catena alpina. Si trova a breve distanza dalle celebri Terme di Salsomaggiore e di Tabiano. Dopo secoli di contese fra grandi famiglie nobiliari per entrarne in possesso, nell’800 il Castello é stato trasformato in abitazione privata e centro di un’azienda agricola.

Nella sua storia millenaria il Castello è stato al Centro di guerre, assedi, distruzioni, congiure, tradimenti,  ma anche di amori, poesie e leggende. In queste mura hanno vissuto personaggi come Rolando il Magnifico, Solestella, figlia del conte di Bardi e madre di Isabella, rimasta celebre come “l’Angelo di Tabiano”, per la sua bontà, la sua bellezza e l’infelice amore per il Cavaliere francese Riccardo d’Orange.

Le cronache ci tramandano il ricordo di Pelavicino Pallavicino, il primo trovatore (troubadour) di quei tempi nel Nord Italia, di Oberto il Grande Pallavicino, principale alleato dell’Imperatore Federico II nell’assedio di Parma, ma anche di Tancredi Pallavicino, ucciso dal fratello Delfino, in un luogo o che ancor oggi si chiama “Porta Rossa” per il colore del sangue versato.

La visita del Castello é visitabile: un percorso di 60 minuti circa, attraversa i luoghi più interessanti, le antiche cantine a volta, i soffitti affrescati, la biblioteca, la Cappella affrescata,  lo scalone d’onore, le terrazze, i giardini, la “Porta Rossa”, la sala da ballo.

Per maggiori informazioni Tel. 348 8955378 – info@castelloditabiano.com