Erri De Luca: la TAV, le grandi opere e il giornalismo in Italia

NAPOLI – Il dissenso in questa società viene criminalizzato perché si fa una disinformazione e una diffamazione del dissenso, s’immagini per esempio che la linea Torino-Lione non arriva a Lione, ma si ferma a trenta chilometri fuori Lione, dopo bisogna prendere un bus o un taxi perché non c’è passaggio ferroviario, tutto il guadagno ridicolo di tempo di cui si parla sarebbe bruciato da questo intoppo, ma nessuno lo sa. Questo è informazione, la stampa è reticente persino su questo, fa informazione sbagliata e volontaria a favore di opere inutili, ma pubbliche e quindi ben remunerata” .

Erri De Luca, che abbiamo incontrato a Napoli, parla così, senza mezzi termini.