Erol Önderoglu, rappresentante di Reporters sans frontières in Turchia, arrestato ad Istanbul

Riceviamo e pubblichiamo da Reporters sans frontières:

“Cari amici, cari membri, cari militanti,

vi scriviamo perchè la situazione è urgente e richiede tutto il nostro impegno.

Il rappresentante di Reporter senza frontiere in Turchia dal 1996, Erol Onderoglu, è da ieri detenuto in custodia cautelare da un tribunale di Istanbul, con due colleghi, accusato sulla base di tre articoli (pubblicati dal quotidiano Özgür Gündem il 18 maggio 2016) che argomentano sulle lotte tra le varie forze di sicurezza turche e le operazioni in corso contro il partito curdo ribelli dei lavoratori del Kurdistan (PKK ) nel sud-est dell’Anatolia.

Da vent’anni, Erol Onderoglu combatte instancabilmente per difendere i giornalisti perseguitati. Il suo rigore e l’integrità, riconosciuti in tutto il mondo, ne hanno fatto una personalità di riferimento nel settore. Con lui si attacca l’intera categoria professionale, i giornalisti, che le autorità turche cercano di intimidire.

Imprigionato dopo un’udienza a porte chiuse, ammanettato, Erol Onderoglu oggi è vittima di quegli stessi abusi che ha sempre denunciato.

Chiediamo alle autorità turche la libertà immediata e incondizionata di Onderoglu Erol e dei suoi colleghi Ahmet Nesin e Sebnem Korur Fincanci.”

Per firmare la petizione per la liberazione di Erol Onderoglu clicca qui.

Reporters sans frontières