ERITREA VERA, ERITREA LIBERA Fulvio Grimaldi al Congresso 2016 dell’YPFDJ eritreo.

Dal Blog di Fulvio Grimaldi Mondocane http://fulviogrimaldi.blogspot.it/

YPFDJ ioHo avuto il privilegio e l’onore di essere invitato al congresso 2016 dell’YPFDJ, i giovani eritrei del Fronte per la Democrazia e la Giustizia, svoltosi a Montesilvano (Pescara) alla fine di marzo. Tra le mie esperienze di inviato di guerra spiccano quelle – frequentate da pochissimi giornalisti per lo scontato motivo dell’isolamento strumentale dell’Eritrea libera, rotto soltanto da campagne di falsità e diffamazioni – accanto al movimento di liberazione dell’ex-colonia italiana, poi britannica, poi etiopica. Qui ascoltate il saluto che mi è stato chiesto di portare a 450 delegati dell’YPFDJ, venuti da tutta Europa e dalle Americhe, riuniti per sostenere la rivoluzione del loro paese e diffonderne la verità contro tutte le menzogne e le cospirazioni dei neocolonialisti che dell’Eritrea non tollerano l’esempio e il contagio di nazione multietnica, multiconfessionale, indipendente, antimperialista. Un esempio e una speranza per tutti i popoli del mondo amanti della libertà.Dopo aver resistito al colonialismo italiano, poi a quello britannico, poi a quello genocida etiopico (con il sanguinario imperatore schiavista Haile Selassié e l’altrettanto sanguinario dittatore “comunista” Menghistu), una lotta armata durissima di ben trent’anni, dal 1961 al 1991, contro forze sistematicamente soverchianti e sostenute dalle grandi potenze, è riuscita a trionfare, a cacciare dal paese gli occupanti, a conquistare libertà e indipendenza. Un successo che, come nel caso di altri popoli liberatisi del colonialismo, Iraq, Siria, Libia, non è mai stato perdonato  dagli antichi padroni coloniali ai quali si sono poi aggiunti quelli nuovi dell’imperialismo. Alle scandalose sanzioni che l’ONU, braccio “umanitario” dell’imperialismo, ha inflitto all’Eritrea per non essersi piegata questa nazione alle logiche e alle imposizioni del neocolonialismo e aver scelto una propria strada per il progresso, la giustizia sociale, lo sviluppo, si sono presto affiancate le campagne di menzogne e diffamazioni che le potenze occidentali ordinano a una stampa complice e servile nei confronti di popoli e direzioni politiche disobbedienti. Mentre si dà voce e smisurato risalto a chi emigra dall’Eritrea per le inevitabili difficoltà economiche determinate dalle sanzioni e dall’assedio (anche bellico: due guerre d’aggressioni etiopiche, su mandato Nato) e, ricattato dall’asilo politico e dalla possibilità di sopravvivenza, dichiara quanto i nemici del suo paese vogliono sentirsi dire, censura totale chiude la bocca ai milioni di eritrei che sostengono la loro patria e la sua leadership.

Ecco l’intervento di Fulvio Grimaldi tratto dal blog http://www.yonastesfamichael.flazio.com/#!/home di Yonas Tesfamichael 

This is the link for the salute I had the pleasure to deliver to the YPFDJ Conference. And the following is the statement I circulated to the press and my contacts I was given the privilege and the honour to be invited to the 2016 Conference of the YPFDJ, the young Eritreans of the Front for Democracy and Justice, that took place near Pescara at the end of last March. Among my experiences as a war correspondent, I assign particular relevance to those that saw me together and on the side of the Eritrean Liberation Movement in struggle against coolonialism. This struggle was followed by very few journalists and media, due to the historical  prejudice against the country and its liberation movement which led to its isolation and diffamation. Very few media and individual journalist have tried to oppose the campaign of falsities and deformations that sistematically are being launched against the country and its leadership. This can be explained by the resentment and frustration caused to colonialist revanchists by the fact the Eritrea mantains its traditional course of a multiethnical, multireligious, independent, selfreliant and antimperialist country. An example and a hope for all  freedom-loving peoples of the world.