ENI e Alitalia “boicottano” giornali con notizie sgradite

L’azienda energetica Eni ha cancellato una campagna  – già pianificata – che prevedeva inserzioni pubblicitarie del valore di circa ventimila euro sulle pagine del Fatto Quotidiano. Nei giorni precedenti, il 15 gennaio 2017, il giornale aveva pubblicato un’inchiesta di Carlo Tecce e Stefano Feltri, intitolata: “Tangenti Eni Nigeria – Jet, Cadillac e contanti: ecco chi ha preso il miliardo”, sul presunto pagamento di tangenti in Nigeria.

Il ritiro dell’investimento pubblicitario è stato riferito dallo stesso quotidiano, il 24 gennaio 2017. La Fnsi ha segnalato l’episodio come un inaccettabile esempio di “boicottaggio economico delle testate sgradite per ostacolare il diritto di cronaca”.

LA VICENDA ALITALIA – La nota della Fnsi fa riferimento anche a una vicenda della compagnia Alitalia, la quale – secondo quanto si legge nella nota – non ha distribuito l’ultimo numero de l’Espresso a bordo dei propri voli a seguito della pubblicazione di un’inchiesta critica sui conti della compagnia.

“Al di là delle singole vicende resta la gravità del ricorso a queste scelte che hanno un inaccettabile carattere ritorsivo – affermano Giuseppe Giulietti e Raffaele Lorusso, rispettivamente presidente e segretario della Federazione della Stampa – Spetta anche all’Autorità di garanzia del settore far sentire la sua voce a tutela del pluralismo editoriale e del diritto di cronaca”.

LA VICENDA ENI – L’articolo del Fatto Quotidiano del 15 gennaio dà conto dell’inchiesta della Procura di Milano – per corruzione internazionale – relativa al  “pagamento di un 1,092 miliardi di dollari al governo nigeriano per lo sfruttamento del giacimento Opl245 in Nigeria”.

GLI ALTRI GIORNALI – I giornalisti del Fatto Quotidiano hanno lamentato il fatto che la stampa italiana abbia dato evidenza a un comunicato stampa dell’Eni sul rafforzamento della cooperazione in campo energetico con il governo nigeriano, senza fare alcun cenno all’inchiesta della Procura di Milano.

fonte: Ossigeno per l’Informazione