Del camminare e altre distrazioni. Antologia per viandanti e sognatori

Quattordici racconti di scrittori famosi, da Virginia Woolf a Mark Twain, i grandi autori della letteratura internazionale raccontano cos’è per loro camminare.

Non si cammina solo per spostarsi da un luogo all’altro: si cammina anche per poter guardare il mondo dalla vetta dei monti, come Mark Twain, oppure per filosofeggiare, come Rousseau e Roberto Arlt.

A volte una banale passeggiata permette di fare incontri che cambiano l’esistenza, come accade ai personaggi di Maupassant e Capuana, e in certe situazioni l’erranza diventa addirittura uno stile di vita, come nelle pagine di Verga e Mary Austin.

Da Virginia Woolf a J.M. Barrie, da G.K. Chesterton a H.G. Wells, questi 14 racconti firmati dai più grandi autori della letteratura mondiale e illustrati dalla matita di Guido Scarabattolo, permettono di esplorare tutti i significati nascosti in una delle attività quotidiane che di solito compiamo senza pensarci: camminare.

Curatore: F. Cosi, A. Repossi
Illustratore: G. Scarabottolo
Editore: Ediciclo