Cinema in famiglia: GGG, il Grande Gigante Gentile

Una piccola orfana, Sofia, una notte non riesce a dormire e, guardando fuori dalla finestra dell’Istituto londinese in cui è ospitata, avverte la presenza di un gigante. Costui, con la sua mano enorme, la prende e la porta con sé nella sua grotta che si trova nel Paese dei Giganti. La bambina teme di essere mangiata ma scoprirà che chi l’ha rapita è il GGG, il Grande Gigante Gentile che è molto diverso dai suoi consimili i quali hanno nomi che sono tutto un programma (San-Guinario, Inghiotticicciaviva) e si nutrono di esseri umani prediligendo i bambini.

Il GGG si ciba invece di vegetali ricoperti di protuberanze denominati cetrionzoli. Superato il primo impatto, Sofia comprende perchè il GGG l’ha rapita: voleva evitare che lei diffondesse la notizia dell’esistenza dei giganti anche se, al contempo, vorrebbe fare di tutto per ostacolare le imprese dei suoi simili che lo maltrattano avvertendone la diversità.

La bambina decide di aiutarlo. Scoprirà che è lui il personaggio che cattura i sogni e li invia di notte ai bambini. I due visiteranno insieme il Paese dei Sogni ma dovranno affrontare una prova decisamente difficile: convincere la regina d’Inghilterra dell’esistenza dei giganti affinché i cattivi vengano messi in condizioni di non nuocere.

Titolo originale: The BFG (2016)

Regia: Steven Spielberg

Soggetto: dal libro per bambini “Il GGG” di Roald Dahl

Durata: 115′