Che cosa sono “gli amici del popolo”

L’attività teorico-pratica del giovane Lenin si apre con una risoluta polemica contro il populismo, l’ideologia imperante fra i progressisti russi della seconda metà dell’ottocento.

Nell’opuscolo Che cosa sono “gli amici del popolo”, del 1894, il dibattito viene affrontato nei suoi temi teorici di fondo: maneggiando con autorità gli scritti di Marx ed Engels, il giovane rivoluzionario russo chiarisce polemicamente il senso e il contenuto della concezione materialistica della storia, precisa in questo ambito i rapporti tra fenomeni sociali e fenomeni naturali, tra struttura e sovrastruttura, tra necessità storica e azione umana, mette in rilievo il concetto di formazione economico-sociale, e infine definisce il carattere della dialettica materialistica.

Nasce così, dalle esigenze della battaglia ideale e politica, una delle opere che sono il punto di riferimento obbligato nello studio della teoria marxista.