Cannes: miglior attore Marcello Fonte per Dogman. Migliore sceneggiatura ex aequo Rohrwacher e Panahi

epa06750904 Marcello Fonte accepts his award for Best Actor for the movie ‘Dogman’ during the Closing Awards Ceremony of the 71st Cannes Film Festival, in Cannes, France, 19 may 2018. EPA/IAN LANGSDON

La 71/a edizione del Festival di Cannes premia l’Italia. Il premio per il migliore attore del concorso va a Marcello Fonte per Dogman di Matteo Garrone.

”Da piccolo quando ero a casa mia e pioveva solo le lamiere chiudevo gli occhi e mi sembrava di sentire gli applausi adesso è vero ed è come essere in famiglia”, ha detto Marcello Fonte che ha preso il premio da Roberto Benigni. ”Il cinema è la mia famiglia – dice Fonte emozionatissimo -, ogni granello della sabbia di Cannes è una meraviglia. Grazie a Matteo che si è fidato che ha avuto il coraggio…”.

Premiata anche per la migliore sceneggiatura, ex aequo con Jafar Panahi per Three Faces, Alice Rohrwacher, per Lazzaro felice .

Il premio per la migliore attrice del concorso va a Samal Yeslyamova per di AIKA (My Little one) di Sergei Dvortesevoy.

Il premio per la  migliore regia va a per il film Zimna Wojna di Pavel Pawlikowski.

Una palma d’oro speciale e’ stata assegnata a Le Livre d’image di Jean Luc Godard.

Il premio della Giuria nel concorso del 71/mo festival di Cannes va al film Capharnaum di Nadine Labaki.

Il Grand Prix del 71/mo festival di Cannes va a Spike Lee per Blackkklansman.

“Un affare di famiglia” di Koreeda vince la Palma d’oro del 71/mo festival di Cannes.

Message in a battle, con Sting sul red carpet, il festival di Cannes ha chiuso la 71/ma edizione in maniera inusuale, in musica ma con messaggio. Tutta la giuria e i premiati sono usciti sulla Montee ad ascoltare Sting e Shabby in concerto fuori la Lumiere. Ritmi reggae e tutti a ballare, per una foto finale di grande impatto, con dietro Spike Lee e la giurata del Burundi Kadhia Nin con il pugno chiuso.

Fonte: ansa