Babbi: non pubblicate le vostre memorie, compilate “libri bianchi”!

È dedicato al babbo il nuovo “libro bianco” dell’editrice fiorentina Sarnus: intitolato Babbo raccontami (pp. 144, euro 10), uscirà il 15 marzo, a pochi giorni dalla Festa del papà.

Il libro si colloca sulla scia del grande successo di Nonna raccontami e Nonno raccontami che, usciti quattro anni fa, possono vantare oggi 36mila copie vendute e diversi tentativi di imitazione. Curato dallo scrittore Andrea Gamannossi, che già aveva firmato quello dedicato alla mamma, il libro è fatto di tante domande e altrettanti spazi vuoti da riempire, oltre a pagine bianche dove collocare appunti, ricordi, fotografie. C’è spazio per descrivere diversi momenti, dall’infanzia agli anni del servizio militare, dal primo lavoro al matrimonio, ma anche per esprimere sentimenti e desideri mai rivelati, quelle emozioni che spesso restano nascoste.

“Mentre i ‘grafomani’”, spiega l’editore Antonio Pagliai, “potenziali autori di memoriali noiosi e poco interessanti per il grande pubblico, avranno in Babbo raccontami il giusto argine, i numerosi ‘timidi’ invece, restii a parlare e tanto più a scrivere di sé, ci troveranno uno sprone e un aiuto a lasciare per sempre una preziosa traccia della propria esistenza”. Riempiendo le pagine, rispondendo a semplici domande, si costruirà infatti un autentico diario della memoria, dove rimarranno immortalate tutte le tappe della vita del nostro genitore: il libro diverrà così uno scrigno di ricordi, da custodire per sempre nel cassetto e nel cuore.