27 gennaio “Giornata della memoria” Se questo è un uomo di Primo Levi

url-1In occasione del prossimo 27 gennaio “Giornata della memoria”, la redazione di InformazioneIndipendente.com si propone una serie di servizi al fine di ricordare che cosa è stato il fascismo, le leggi razziali, la sua applicazione, i giuristi, gli scienziati, gli artisti, i politici, complici dell’operazione più infame e vergognosa della storia d’Italia. Oggi pubblichiamo il testo della poesia Se questo è un uomo di Primo Levi introduzione al romanzo omonimo ed ispirata all’antica preghiera dello Shemà Israel. Il romanzo scritto tra il dicembre 1945 ed il gennaio 1947 è un’opera coinvolgente, testimonianza della tragicità dei campi di concentramento “nato fin dai giorni di lager per il bisogno irrinunciabile di raccontare agli altri, di fare gli altri partecipi» Levi sopravvisse alla deportazione nel campo di Monowitz lager satellite del complesso di Auschwitz.

Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per un pezzo di pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.
Primo Levi

Da leggere: la storia incredibile Gaetano Azzariti, da Presidente Tribunale della razza a Presidente della Corte Costituzionale e la Dichiarazione sulla Razza :

 

Gaetano Azzariti da presidente del Tribunale della razza a presidente della Corte Costituzionale

27 gennaio giornata della memoria. Il 6 ottobre 1938 fu approvata dal Gran Consiglio del fascismo LA DICHIARAZIONE SULLA RAZZA