23 maggio 1992 ore 17.58: la strage di Capaci

«Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell’esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell’amicizia, perché prosperi senza contrasti tra i vari consociati, per avviarsi serena nel cammino verso un domani migliore, basta che ciascuno faccia il proprio dovere».

Giovanni Falcone (18 maggio 1939 – 23 maggio 1992)

Il 23 maggio del 1992 è morto un uomo di Stato, un eroe, circondato da chi fino all’ultimo è rimasto al suo fianco per proteggerlo. Un uomo d’onore tra uomini d’onore. Il Suo ricordo vive nella nostra lotta, nella nostra voglia di credere che tutto questo un giorno finirà tra le pagine di storia, pagine su cui noi incideremo il Suo nome. Onore a Lei Giovanni, noi non la dimenticheremo.

da Lettera a Giovanni Falcone di Andrea Sferrella, 19luglio1992.com

capaci